Impianti ibridi bioattivi

Gli impianti ibridi bioattivi con rivestimento di acido ialuronico sono gli impianti ibridi tecnologici più avanzati della nuova generazione. Oltre all’utilizzo di due diverse superfici nella loro costruzione, sono state inoltre rivestite con un rivestimento di acido ialuronico.

Ulteriori informazioni sugli impianti ibridi >

Il ruolo dell’acido ialuronico

Il rivestimento dell’acido ialuronico stimola le cellule a secernere fattori di crescita e a creare una nuova struttura ossea. L’acido ialuronico combina in modo permanente (combinando covalente) con la superficie dell’impianto, producendo effetti duraturi.

 

Guarda un video sugli impianti rivestiti con acido ialuronico >

 

Effetti dell’uso di impianti di iperimpianto bioattivi

L’applicazione di impianti bioattivi consente di ottenere gli effetti desiderati da medici e pazienti:

Impregnazione più rapida

Il rivestimento ialuronico attiva le cellule ossee per il primo contatto con l’impianto, riducendo efficacemente il tempo di impianto. Quindi, possiamo ottenere più velocemente l’effetto visivo e funzionale desiderato del “nuovo dente”.

 

 

Maggiore stabilità, migliore integrazione

Gli impianti bioattivi sono stati creati sulla base di impianti ibridi, in cui sono state utilizzate due diverse superfici: lisce e ruvide. La superficie liscia minimizza la penetrazione batterica, la superficie ruvida favorisce il rafforzamento della connessione dell’impianto con l’osso del paziente.

L’azione dell’acido ialuronico contribuisce a una migliore integrazione dell’impianto con l’osso.

Prevenzione della perimplantite

Periimplantite o infiammazione attorno all’impianto è uno dei problemi principali dell’implantologia moderna.

Le cause della perimplantite sono ampiamente compensate dall’uso di una superficie ibrida nella struttura dell’impianto bioattivo e nel rivestimento dell’acido ialuronico. Gli impianti bioattivi contrastano la penetrazione dei batteri nel processo di soppressione e diversi anni dopo la procedura.

Gli studi sulle perimplantiti hanno dimostrato che molto spesso nel periodo di 5-7 anni dopo l’impianto, l’osso espone la struttura dell’impianto consentendo la penetrazione dei batteri.

Attualmente, solo gli IMPIANTI IBRIDI iRES BIOATTIVI sono in grado di contrastare efficacemente ed eliminare la penetrazione dei batteri che causano la perimplantite.

 

Ulteriori informazioni sulla perimplantite >

 

 

Longevità

La combinazione della struttura ibrida dell’impianto e del rivestimento dell’acido ialuronico garantisce il mantenimento del normale tessuto osseo. L’acido ialuronico, che rimane permanentemente collegato all’impianto, stimola le cellule a crescere, il che consente di mantenere l’effetto terapeutico nel corso degli anni.

 

 

Primo al mondo

L’azienda iRes che utilizza soluzioni tecnologicamente avanzate è attualmente l’unico produttore al mondo di IMPIANTO IBRIDO BIOATTIVO con due superfici diverse rivestite con acido ialuronico.

Il processo di produzione unico, creato come risultato di molti anni di ricerca, è un brevetto aziendale.

 

Anche per i fumatori e le altre persone a rischio

Il fumo di sigaretta rallenta l’impianto e promuove l’atrofia ossea attorno all’impianto e la formazione dei cosiddetti batteri. biofilm.

Questi processi si verificano non solo nei fumatori ma anche nel caso del diabete o dell’osteoporosi.

Solo gli IMPIANTI IBRIDI BIOATTIVI supportano sia il processo di guarigione che la riduzione del rischio di perimplantite e perdita dell’impianto nelle persone ad alto rischio.

Maggiori informazioni sui risultati dei test implantari con acido ialuronico >